CollaborazioniFashion Lab

Conclusione del Progetto “Mercatino di Primavera, Arte del cucito” 2a edizione _ II Casa di Reclusione di Bollate

Borse-di-Studio-Carcere-di-Bollate-IL-Teatro-della-Moda-Milano-

Ieri, martedì 21 Maggio, presso la sede de Il Teatro della Moda, in presenza delle istituzioni e di una delegazione dal carcere, si è celebrata la chiusura del progetto “Mercatino di Primavera, arte del Cucito” alla sua seconda edizione.

Noi del Teatro della Moda abbiamo iniziato a collaborare al progetto circa due mesi fa, affiancando i detenuti nella realizzazione dei manufatti insegnando loro le tecniche di taglio e cucito, oltre alla cura e all'attenzione per ogni singolo dettaglio sartoriale.

L’esperienza è stata ricca di emozioni e abbiamo deciso di proseguire il nostro impegno in questo prezioso percorso di riscatto sociale offrendo due borse di studio ai detenuti che si sono distinti per particolare passione, talento ed attitudine.

La giornata si è aperta con l’intervento della Dott.ssa Gallo, Coordinatrice educativa del 7° reparto ed è proseguita con la Dott.ssa Becchimanzi, del Comune di Milano, e Carlo Gerla, Segretario generale della CISL Milano.

Oltre alla consegna dell’assegno all’Altra metà del Cielo e delle borse di studio, la mattinata è stata arricchita da due momenti particolarmente emozionanti: la sottoscrizione di un impegno dei detenuti a rispettare le donne e a proteggerle da ogni forma di violenza e l’intervento del regista Pietro Arrigoni sulla sua pregressa esperienza con i detenuti.

 

continua dopo la gallery...

 

Il carcere di Bollate è diventato ormai da tempo una “struttura modello” che punta alla rieducazione dei detenuti per restituire alla società persone libere e responsabili. Anche noi del Teatro della Moda siamo convinti di questo e il nostro impegno verso di loro continuerà in futuro su nuovi progetti.

Perché il riscatto, a volte, può passare dal taglio e cucito e in fondo quello che chiede chi ha sbagliato e sta pagando per il reato commesso è l’opportunità di dare un senso alla propria esperienza e di cambiare. Per poi ricominciare.